indice
Rassegna Stampa
 

da Music Map 12 maggio 2007

di Andrea Rossi

Patrizia Laquidara sta conquistando un posto importante nel panorama musica le italiano.
Quattro anni or sono ci fu Sanremo e “Lividi e Fiori” bramo che si aggiudico’ il premio della critica Mia Martini ed il premio Alex Baroni per la migliore interpretazione , e che colpi non poco, soprattutto perche’ suffragato successivamente da un album riuscito e variegato come indirizzo portoghese.Prima di quell’exploit , c’era stato un album omaggio al Brasile come “Para voce querido Cae”, ed anche alcuni riconoscimenti al “premio citta’ di recanati” . Poi invece, dopo Sanremo c’e’ stata nel 2005 la partecipazione alla colonna sonora del film Manuale d’amore  di Giovanni Veronesi con il brano Noite e Luar e la cover di Parlami d’amore Mariu’ realizzata insieme a Tony Canto il chitarrista degli Arancia Sonora di Mario Venuti. Infine, qualche mese fa, Patrizia si e’ riaffacciata sul mondo delle 7 noti tricolori con un’innovativa versione di “La cattiva strada” di De gregari , brano reinventato insieme ai bravi Sur , per la compilation “con quali occhi”. E ora questo disco: un gioiello, senz’ombra di dubbio. Dodici brani inediti , alcuni dei quali sono stati scritti per lei da personaggi importanti come Pacifico , Giulio Casale , KAballa e Joe Barbieri. Non fatevi fuorviare  da questo dato : nonostante la presenza d tali compagni di viaggio e di scrittura la Laquidara e’ soprattutto autrice.  I brani in questione, anche quando scritti insieme ad alti importanti autori sono totalmente suoi: si nota immediatamente, al primo ascolto , che li veste perfettamente, come abiti perfetti sul suo bel  corpo ( vedere copertina per controllare) . Siamo quindi di fronte a un personaggio vero , al quale non e’ esagerato delegare buona parte della musica italiana al femminile per l’immediato futuro e, soprattutto, per gli anni a venire. Cosi devono averla pensata in tanti , dal momento che quest’album e’ stato registrato a New York con musicisti come Mauro Refosco, percussionista leader del super grupo Forro in the dark (gia’ con i Lounge Lizard e collaboratore collaudato di David Byrne e Bebel Gilberto) , o come il chitarrista statunitense Smokey Hormel , talento unico ed eclettico piu’ volte al fianco di Tom Waits e di Beck.Il tutto , inoltre, sotto l’attenta produzione di due mostri sacri come Arto Lindsay e Patrick Dillet , autori di produzioni stellari come Mariah Carey , David Byrne, Mary J. Blige, Caetano Veloso, Marisa Monte , Laurie Anderson  e Carlinhos  Brown. Il tutto per un disco che sara’ pubblicato anche in Giappone e in Portogallo . Non esattamente, quindi, un progetto qualunque. Arie internazionali, a tratti brasiliano-portoghese,per una scrittura, invece , totalmente italiana , nei tratti e nelle scelte stilistiche. Una vera funambola, insomma, la LAquidara , come esterna con precisione il titolo del lavoro : una funambola tra umori e sensazioni variegate , m tutte, comunque, vincenti.
“Funambolo e’ anche chi e’ fiero della propria paura”, scrive la stessa Patrizia.
Tra le sue paure, in effetti, non ci devono essere timori legati a questo disco.
Piu’ completo, piu’ rotondo, piu’ “suo”, in poche parole piu’ bello di cosi non poteva essere.
Se “L’equilibrio e’ un miracolo” come recita l’omonimo brano (forse il migliore in assoluto del notevole lotto)  , la Laquidara c’e’ riuscita.
Non negate i miracoli, abbiate fede, e prestate la giusta attenzione a questa artista. Una grande artista.


(da Music Map)



Home | Agenda | Dischi | Stampa | Bio | Foto | Video | Guestbook | Contatti | Credits
Patrizia su MySpace